L’elefantina va in città

di Amit Garg

Rosa Goes to the City

By Amit Garg

Nel centro di una grande città, c’era un piccolo zoo e nello zoo viveva un’elefantina. Il suo nome era Rosa. L’inserviente amava molto la piccola Rosa e si prendeva cura di lei in ogni modo possibile. Molti visitatori venivano a vedere Rosa e stavano a guardarla, affascinati, mentre mangiava una dozzina di banane alla volta! Rosa era ben accudita, ma le mancava la compagnia degli altri elefanti.    In the middle of a big city, there was a small zoo, and inside, lived a baby elephant. Her name was Rosa. The zookeeper loved little Rosa very much and cared for her in every possible way. Many visitors came to see Rosa and watched her, fascinated, as she ate a dozen bananas at one time! Rosa was looked after well, but she missed the company of other elephants.
Un giorno, dopo aver dato da mangiare a Rosa, l’inserviente dimenticò di chiudere la sua gabbia a chiave. In men che non si dica, Rosa fu fuori dallo zoo! Innanzitutto, incontrò un venditore di gelati che stava sul lato della strada. Come questi vide Rosa, scappò via. One day, after feeding Rosa, the keeper forgot to lock the door of her cage. Soon she was out of the zoo! First, she came across an ice cream vendor standing by the roadside. He saw Rosa and ran away.
La piccola elefantina curiosa infilò la proboscide nel frigo dei gelati. Ciò  che trovò all’interno aveva un sapore così freddo, dolce e delizioso, che, semplicemente, se lo mangiò tutto in un boccone. Rosa continuò a gironzolare, cercando qualcuno con cui fare amicizia. Infine, dentro ad un negozio, vide un branco di elefanti sullo schermo di un televisore! “Amici!”, pensò, ed entrò di buon passo nel negozio di televisori. Tutte le persone che si trovavano nel negozio corsero fuori, lasciandola da sola. Rosa provò a parlare con gli elefanti sullo schermo del televisore, ma questi non risposero. Perplessa e delusa, uscì dal negozio. The curious little elephant stuck her trunk into the icebox. Something tasted so cold, sweet and delicious that she simply gulped it all down. Rosa kept moving about, her eyes searching for someone. Finally, inside a shop, she saw a herd of elephants on a television screen! “Friends!” she thought and marched into the TV shop. Everybody inside the shop ran out, leaving her alone. Rosa tried talking to the elephants on the TV screen but they didn’t reply. Confused and disappointed she walked out.
Ritornata in strada, vide un uomo che vendeva dei cocchi. “Bene! Ho trovato una palla! E’ ora di giocare!”, gridò, e, con un calcio, fece volare il cocco in aria. Questo volò al di là della strada ed atterrò proprio accanto ad un bambino che giocava nel parco. Rosa si precipitò dall’altro lato della strada decisa a recuperare la sua palla di cocco. La automobili frenarono, gli autobus strombazzarono e gli automobilisti iniziarono ad urlarsi l’un l’altro. Rosa aveva provocato un ingorgo! I vigili urbani si attivarono per riportare l’ordine. Fu informato lo zoo. Back on the street, she saw a coconut-seller, selling coconuts. “Wow! I’ve found a ball! It’s play time now!” she cried and kicked a coconut high in  the air. It flew across the road and landed right beside a boy, playing in the park. Rosa ran across the road, determined to get her coconut-ball. Cars screeched, buses honked, and drivers began to yell at each other. Rosa had created a traffic jam! The traffic police moved in to take control. The zoo was informed.
Senza accorgersi nella confusione attorno a lei, Rosa semplicemente corse nel parco. Si fermò davanti ad un bambino che le sorrideva. Questi ridacchiò ed accarezzò l’elefantina. Rosa rispose con un barrito di eccitazione al suo nuovo amico. A questo punto, l’inserviente dello zoo era già arrivato al parco. Vedendo Rosa libera nel parco, egli comprese che non avrebbe mai più potuto essere felice in una gabbia. Ignoring the commotion around her, Rosa simply ran into the park. She stopped in front of the little boy who was smiling at her. He giggled and patted the elephant. Rosa trumpeted back with excitement at her newfound friend. By now, the zookeeper had reached the park. Seeing Rosa in the open space of the park, he understood that she would never be happy in a cage.
Lo zoo trasferì Rosa in una foresta protetta lontana dalla città, dove molti altri elefanti se ne andavano in giro liberamente. Rosa crebbe molto felice. Ora, invece di guardare Rosa dietro alle sbarre, confinata in una gabbia, i visitatori possono vederla tra tanti alberi, mentre ancora ingurgita voracemente dozzine di banane! The zoo transferred Rosa to a protected forest, away from the city, where many other elephants roamed freely. Rosa grew up very happily. Now, instead of watching Rosa behind bars in a cramped cage, visitors can see her among lots of trees, still gulping down dozens of bananas!