Nel mese di dicembre, in ogni parte del mondo vengono celebrate numerose festività, alcune delle quali molto suggestive. Qui viene descritta una delle tradizioni più impressionanti: il Klausjagen (A caccia di Babbo Natale).

In Svizzera il 6 dicembre si celebra il giorno di San Nicola, ma in una piccola località vicino Lucerna, i festeggiamenti sono particolarmente colorati. Il 5 dicembre (la sera prima del giorno di San Nicola), nel comune di  Küssnacht prende vita per le strade di questa città medievale una straordinaria processione nota come Klausjagen.

L'evento inizia quando è buio. Vengono spente tutte le luci e la folla rimane in attesa nell'oscurità più completa. La sfilata inizia con uomini che fanno schioccare delle lunghe fruste, producendo scoppi forti come petardi. Seguono centinaia di uomini e ragazzi vestiti di bianco, che trasportano sulla testa gli iffelen, dei copricapi dalla forma simile alle mitre episcopali. Gli iffelen sono illuminati e molto colorati,  con decorazioni che ricordano le vetrate delle chiese. Sono delle vere opere d’arte e hanno dimensioni enormi, alcuni fino a oltre due metri di altezza.

Poi arriva San Nicola seguito da una banda musicale che suona la canzone di Babbo Natale. Segue una fila di uomini che suonano campane e altri che suonano i corni delle mucche.

È una tradizione pagana precristiana, vecchia di secoli, finalizzata a scacciare gli spiriti maligni nel periodo più buio dell’anno.