In italiano non esistono articoli indeterminativi plurali. Il plurale viene ottenuto in tre modi diversi.

 

1) Articolo partitivo plurale

Questa è la forma più frequente. L’articolo indeterminativo viene sostituito dall’articolo partitivo.

Nel cortile c’è un cane e una gallina.

Nel cortile ci sono dei cani e delle galline.

La formazione del plurale è sintetizzata in questa tabella:

 

UNO

si usa quando il nome maschile

inizia con S + consonante, Z, PS, PN,

GN, X, semiconsonante I (J, Y)

uno studente

uno psicologo

uno gnomo

DEGLI

degli studenti

degli psicologi

degli gnomi

UN

nomi maschili che iniziano con vocale

un amico

un operaio

un uomo

degli amici

degli operai

degli uomini

UN

nomi maschili che iniziano

con consonante

un cane

un bicchiere

un libro

DEI

dei cani

dei bicchieri

dei libri

UNA

si usa quando il nome femminile

inizia con una consonante

una matita

una chiave

una pentola

DELLE

delle matite

delle chiavi

delle pentole

UN’

si usa quando il nome femminile

inizia con una vocale

un’amica

un’isola

un’uscita

delle amiche

delle isole

delle uscite

 

 

2) Aggettivi indefiniti alcuni/alcune

L’articolo indeterminativo viene sostituito dagli aggettivi indefiniti alcuni/alcune

Nel cortile c’è un cane e una gallina.

Nel cortile ci sono alcuni cani e alcune galline.

 

3) Omissione dell’articolo al plurale

In questo caso l’articolo viene omesso.

Nel cortile c’è un cane e una gallina.

Nel cortile ci sono cani e galline.

 

Esercizio: seleziona l’articolo partitivo plurale appropriato