Cappuccetto Rosso è una fiaba molto popolare, di cui ne sono state scritte diverse varianti. Le versioni più note sono quella di Perrault del 1697 e quella dei fratelli Grimm del 1857.

 

Riassunto

Cappuccetto Rosso è una bambina, così chiamata perché indossa sempre la mantellina rossa col cappuccio che sua nonna le ha regalato.

Un giorno la mamma le dice di andare dalla nonna, che abita nel bosco, per portarle un cestino con una focaccia e una bottiglia di vino, raccomandandole di fare molta attenzione e di non lasciare mai la strada.

Cappuccetto Rosso si incammina e dopo una mezz’ora incontra un lupo, ma non ne ha paura perché non sa che è una bestia malvagia. Il lupo la saluta gentilmente e le chiede cosa fa nel bosco. La bambina risponde che sta andando a casa di sua nonna, e spiega al lupo dove si trova.

Il lupo si incammina con la piccola e dopo un po’ la invita a raccogliere dei fiori, per farne un bel mazzo di portare alla nonna. Così, mentre Cappuccetto Rosso è impegnata a trovare dei fiorellini, il lupo corre velocemente dalla nonna e la mangia in un sol boccone. Poi si traveste come la nonna, con la camicia da notte e la cuffietta, e si infila nel letto ad aspettare Cappuccetto Rosso.

Quando la bambina arriva, rimane sorpresa nel vedere sua nonna con grandi mani, grandi orecchie e una gran bocca, ma prima di riuscire a capire che nel letto c’è il lupo, quest’ultimo le salta addosso e la mangia tutta intera.

Il lupo, soddisfatto del suo pasto, si addormenta e comincia a russare molto forte. Un cacciatore di passaggio, sente il forte russare del lupo, e decide di entrare nella casetta. Quando vede il lupo che dorme nel letto, immagina quello che era successo. Prende subito delle forbici, taglia la pancia del lupo e tira fuori prima Cappuccetto Rosso e poi la nonna.

Poi prendono delle grosse pietre e le ricuciono nella pancia del lupo. Quando questo si sveglia, cerca di fuggire, ma le pietre sono così pesanti che il lupo si accascia per terra e poco dopo muore.

Erano contenti tutti e tre: il cacciatore scuoiò il lupo e si portò via la pelle; la nonna mangiò la focaccia e bevve il vino che aveva portato Cappuccetto Rosso, e si rianimò; ma Cappuccetto Rosso pensava che non avrebbe più disobbedito alla mamma.

Alla fine, il cacciatore scuoia il lupo e prende la sua pelle; la nonna si riprende dallo spavento mangiando la focaccia e bevendo il vino; Cappuccetto Rosso si ripromette di non disobbedire mai più alla sua mamma.

 

 


ARTICOLI CORRELATI: