Riassunti di letteratura

In questa sezione del sito puoi trovare dei riassunti di letteratura italiana e straniera.

I testi sono scritti con un linguaggio molto semplice, adatto non solo agli studenti di scuole medie inferiori e superiori, ma anche agli stranieri che studiano la lingua italiana e che hanno raggiunto un livello di conoscenza intermedio (B1-B2).

Un ricco signore rimane vedovo e, dovendo badare alla sua figlioletta, decide di risposarsi con una vedova che ha due figlie. Purtroppo la donna e le figlie hanno un cuore malvagio e ben presto cominciano a maltrattare la povera bambina, costringendola a svolgere i lavori più umili.

Cappuccetto Rosso è una bambina, così chiamata perché indossa sempre la mantellina rossa col cappuccio che sua nonna le ha regalato. Un giorno la mamma le dice di andare dalla nonna, che abita nel bosco... 

Il vicario di provvisione è stato portato via sulla carrozza del cancelliere Ferrer.  Il sole è ormai al tramonto e i popolani in rivolta, stanchi per gli avvenimenti della giornata, iniziano a tornare alle loro case.

Il re e la regina vivono insieme in un magnifico castello insieme alla loro figlioletta, appena nata. Sono così felici che decidono di organizzare una grandissima festa con moltissimi invitati...

La vita è bella è un film del 1997, vincitore di tre premi oscar, diretto e interpretato da Roberto Benigni. Drammatico e divertente nello stesso tempo, il film affronta la tematica dell’olocausto e dei campi di concentramento.

Il vicario di Provvisione si trova in casa, quando viene avvisato da alcuni cittadini che una folla inferocita si sta dirigendo verso la sua abitazione per linciarlo. Vengono sprangate le porte e le finestre, mentre il pover’uomo in preda al terrore si rifugia in soffitta, dove rimane rannicchiato nella speranza che i disordini cessino.

In questo capitolo l’autore apre una parentesi per spiegare le motivazioni che hanno provocato la rivolta di Milano. Per due anni il raccolto del grano è stato scarso (1627-1628). In gran parte la carestia è stata provocata dalla guerra di successione per il ducato di Mantova e del Monferrato.

Un giorno un corvo ruba un pezzo di formaggio e lo porta con sé sul ramo di un albero.  Una volpe di passaggio nota l’uccello con il formaggio in bocca, si ferma ai piedi dell’albero e comincia a lodarlo per l’eleganza del suo bel piumaggio nero

Don Rodrigo cammina nervosamente in una sala dell’ultimo piano, in attesa che il Griso e i bravi ritornino dalla loro missione. Quando sente un rumore di passi in strada, si affaccia alla finestra e vede i suoi uomini che sono rientrati senza la bussola[1].

Quando il principe legge la lettera si accorge del momento di particolare debolezza di sua figlia, e decide di approfittarne per piegarla alla sua volontà. La fa convocare e, dopo averla duramente rimproverata, si dichiara disposto a concederle il perdono...