Riassunti di letteratura

In questa sezione del sito puoi trovare dei riassunti di letteratura italiana e straniera.

I testi sono scritti con un linguaggio molto semplice, adatto non solo agli studenti di scuole medie inferiori e superiori, ma anche agli stranieri che studiano la lingua italiana e che hanno raggiunto un livello di conoscenza intermedio (B1-B2).

Il cappellano crocifero con aria preoccupata riferisce al cardinale Borromeo che l’Innominato chiede di essere ricevuto. Il cardinale mostra un certo entusiasmo per questa richiesta e ordina di farlo entrare subito, nonostante le obiezioni del cappellano.

  Attraverso questa pagina è possibile accedere ai diversi capitoli del romanzo I promessi sposi.

Il principe Tamino sta fuggendo su un terreno roccioso inseguito da un gigantesco serpente, ed è arrivato nei pressi di un tempio. Al momento di essere raggiunto, cade sfinito e sviene. Si apre la porta del tempio ed escono tre dame velate, che con le loro lance d’argento abbattono il serpente.

La storia è narrata in prima persona dal protagonista, detto Anguilla,  un emigrante che, spinto dalla nostalgia, torna nel suo paesello in Piemonte dopo aver trascorso molti anni in America. Con la memoria ritorna al passato e la narrazione non avviene in ordine cronologico, ma gli eventi vengono evocati alla memoria in ordine sparso e confrontati con il presente.

Kengah è una gabbiana in procinto di covare un uovo.  Sta volando ininterrottamente da sei ore sul mare con uno stormo di gabbiani che migrano. Viene avvistato un banco di aringhe e tutti i gabbiani si tuffano in picchiata riemergendo con i pesci nel becco.

L’innominato viene a sapere da un suo uomo che il giorno prima l’arcivescovo di Milano, Federigo Borromeo, è arrivato in visita nel paese vicino, per cui le persone si recano in quel luogo nella speranza di riuscire riuscire a vederlo. Il bandito rimane colpito dalla gioia della gente in festa, e decide su due piedi di andare dall’arcivescovo, sperando di essere liberato dal suo tormento.

Il protagonista e Enaiatollah Akbari (di qui in poi Ena), un bambino afghano di circa dieci anni appartenente alla minoranza degli Hazara, un’etnia perseguitata dai talebani. Suo padre, come molti altri uomini della stessa etnia, era stato obbligato[1] dai Pashtun ad andare in Iran a comprare merci che poi loro rivendevano in Afghanistan. Questo perché gli Hazara sono sciiti, e in Iran sono bene accetti, al contrario dei Pashtun che sono sunniti.

Il cardinale Borromeo continua a rimproverare don Abbondio, perché vuole fargli capire di aver mancato al suo dovere, ma ciò che è veramente grave, per aver cercato futili pretesti, lasciando in questo modo i due giovani all’oscuro del pericolo che incombeva su di loro.

A Giacomo, all’età di sei anni, gli viene annunciato l’arrivo un fratellino “speciale”, ed è molto felice di avere un fratello maschio con il quale allearsi nelle sue piccole battaglie quotidiane con le due sorelle, Chiara e Alice.

I protagonisti del romanzo sono Ted e Kat Spark, due adolescenti, fratello e sorella. Il padre, il signor Spark, è esperto in demolizioni di palazzi, mentre la madre lavora come infermiera. È una famiglia medio-borghese che abita in una villa di Londra, dove conduce una vita tranquilla e ordinata.